Nevica d’agosto

nevica

Voglio vederlo, questo documentario.

Perché conosco la passione e la serietà che ci mette Luca Martinelli nel raccontare storie.

E perché le storie minime dal territorio sono, in fondo, la mia vera passione.

L’impronta mal distribuita

impronta

Che consumiamo in eccesso è un fatto assodato. Ma quanto precisamente e come siamo messi rispetto agli altri popoli?

E soprattutto: cosa possiamo fare per riportarci nel perimetro della sostenibilità?

Per scoprirlo c’è “L’impronta maldistribuita”, un dossier approntato dal Centro Nuovo Modello di Svillpo: 15 infografiche che ridescrivono la geografia mondiale in base all’impronta ecologica.

Un dossier prezioso per la scuola, ma anche per consentire a ciascuno di noi di riportare lo stile di vita nel perimetro della sostenibilità. Ricordandoci che solo coniugata all’equità, la sostenibità può essere garanzia di pace e dignità.

LEGGI IL DOSSIER

Corpo e anima

manconi_x_giornali

Cosa può essere oggi la politica, in un mondo dove prevalgono le passioni tristi e le ideologie sarebbero morte e sepolte? Può essere la capacità di muovere dal dolore e dalla forza delle persone in carne e ossa, e provare a tradurre tutto questo in mobilitazione collettiva.

Per garantire i diritti ancora negati, riconoscere quelli nuovi e contribuire a una cittadinanza più accogliente e matura.

Un libro da leggere, un politico che conferma la mia tesi del “non sono affatto tutti uguali, anzi!”.

Storia di un uomo con la barba e di libri su due ruote, nel parco

12916944_1386131071413062_2711432776305287041_o

In giro per Parma, da qualche anno, c’è un uomo con la barba che ha preso la bicicletta e si è messo a far consegne a bassissimo impatto ambientale.

Oggi, insieme a una lunga serie di realtà cittadine, realizza un nuovo sogno, quello della biblioteca in bicicletta.

Una storia ed un progetto bellissimi, che fanno di Parma un posto più a misura di bambino. E quindi assai più bello in cui vivere.

In questa casa comune chiamata democrazia

Matteo Renzi

Sei il Presidente del Consiglio. E quando fai il Presidente del Consiglio, rappresentando quindi le istituzioni e tutti i cittadini (tutti, anche quelli che legittimamente la pensano diversamente da te, non ci crederai ma è perfino possibile…), non puoi auspicare che un referendum fallisca.

Perché votare è sempre l’unica opzione giusta, in questa casa comune chiamata democrazia.

Se una dichiarazione del genere l’avesse fatta Berlusconi, o anche solo D’Alema, avresti vomitato scintille e rottamato tutti.

Saranno i cittadini a rottamare questo tuo discutibilissimo atteggiamento il 17 aprile prossimo!

Visione 40

italia-che-cambia

Un lavoro enorme, lento e condiviso.

Un progetto per una società più giusta e sostenibile, partecipata e cooperante.

Scenari da un mondo diverso e possibile, perché già in costruzione.