La sinistra di Ferrante

ferrante

Con tutto il rispetto,
oggi sono molto incavolato con i cittadini di Milano! Mi chiedo come sia possibile che un’intera città possa farsi sfuggire l’occasione (storica) di un cambiamento reale, di un’inversione di rotta totale. Di una speranza vera!

Con tutto il rispetto,
sono molto incazzato con i vertici (ottusi) del centrosinistra milanese (e nazionale…!), che hanno scelto di candidare un prefetto a sindaco della città (esclusa rifondazione e un pezzo dei verdi). Ma come si fa, dico io, a non cogliere (non voler cogliere) la straordinaria occasione di avere Dario Fo che si mette in gioco, alla sua età, per amore della sua città. E non fare di tutto per sostenerlo, aiutarlo, candidarlo!

Oggi sono molto incavolato, e triste, ma in fondo non mi stupisco perché è sempre la stessa storia che si ripete: uno come Dario Fo è meglio non averlo tra i piedi, troppo poco prevedibile, governabile.

Troppo libero!