Ecoincentivi a Napoli

napoli

Continua l’operazione “Energia pulita a Napoli”. Dal 16 febbraio, primo anno dall’entrata in vigore del protocollo di Kyoto, i napoletani che vogliono installare sulle loro case un pannello solare hanno un vantaggio in più: la metà del prezzo sarà pagata dall’amministrazione comunale. L’assessorato all’ambiente del Comune di Napoli, infatti, ha raddoppiato i contributi oggi pari al 25 per cento.
L’iniziativa è finanziata con 150mila euro e prevede l’installazione di pannelli solari e scaldacqua a gas in sostituzione di scaldacqua elettrici.

Il bando, elaborato in collaborazione con l’Anea (Agenzia napoletana per l’energia e l’ambiente), è aperto fino ad esaurimento delle domande e ha il chiaro scopo di potenziare la presenza delle fonti rinnovabili in città. Finanzia la spesa relativa a ciascun impianto fino a un massimo di 800 euro per i pannelli solari termici per la produzione di acqua sanitaria, e di 200 euro per l’installazione di scaldacqua a metano.

L’Anea ha stimato che con le nuove installazioni (200 metri quadrati di pannelli solari e 200 scaldacqua a gas) si potrà risparmiare mille tonnellate equivalenti di petrolio (tep) nell’intera vita utile dei pannelli solari, e si eviterà l’immissione in atmosfera di duemila tonnellate di anidride carbonica (Co2) ogni anno.

Il risparmio economico calcolato per ogni famiglia si aggira intorno ai 350 euro l’anno. Dopo poco tempo ogni famiglia recupererà l’investimento iniziale producendo l’80 per cento di acqua calda gratuitamente e senza emissioni di Co2.

Le domande di contributo dovranno essere inoltrate all’Anea, Agenzia napoletana energia e ambiente, via Toledo 317, 80132 Napoli. Gli elenchi dei rivenditori autorizzati ai quali rivolgersi per la redazione e presentazione della domanda di contributo e per l’installazione della tecnologia sono pubblicati sul sito www.anea.connect.it e www.comune.napoli.it.

Il contributo erogato non esclude la possibilità di accedere ad ulteriori agevolazioni previste dalla normativa.