Un viaggio nel mondo, ma anche dentro se stessi

Ricevo e pubblico più che volentieri questo comunicato stampa, che racconta di un progetto come quelli che piacciono tanto a me. Buonsenso a filiera corta, concretezza, smisurata voglia di cambiare le cose, mettendosi in gioco.

Nel 2017, proclamato anno internazionale del turismo sostenibile, si conferma l’impegno di HUMANA People to People italia a favore della promozione di una cultura della solidarietà e della trasparenza.

Anche quest’anno, infatti, HUMANA propone il Programma di Vacanze Solidali in Mozambico per vivere un viaggio unico, che consente di cambiare la prospettiva da cui si guarda il mondo. Non solo grazie agli oltre 8 mila chilometri di distanza che si percorrono da Nord a Sud per arrivare a destinazione, ma perché certe esperienze regalano così tanto da non lasciarci più gli stessi.

Ma di cosa si tratta esattamente?

Due settimane tra luglio e agosto per immergersi nell’Africa più autentica, nella località di Muzuane (a nord del Mozambico) a contatto con le persone del posto e visitando paesaggi mozzafiato, ancora intatti, e far visita ai progetti di sviluppo che HUMANA gestisce in loco. Tra questi, quello della Scuola Professionale, i cui studenti accoglieranno i turisti solidali, mettendo in pratica quanto imparato durante il percorso di studio.

Si tratta di un’esperienza di “viaggio attivo”, che concilia semplici attività di volontariato come l’animazione per i bambini delle comunità locali o la pittura e manutenzione di alcuni edifici scolastici, con momenti di puro relax e silenzio.

I partecipanti a quest’iniziativa potranno così “toccare con mano” i progetti dell’organizzazione ed essere protagonisti di un piccolo cambiamento, laddove è più forte il bisogno (in Mozambico il 60% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà) e vivere tale trasformazione direttamente dentro di sé. “Questo viaggio è stato un passeggiare lento, dove tutto si attacca addosso, si appiccica alla pelle e ti entra nel cuore. Con questa velocità gli sguardi sono infiniti e ti scavano dentro, i sorrisi che ti abbracciano dal bordo della strada illuminano veramente la vita”, Mattia L, vacanziere solidale 2016.

Parte della quota di iscrizione al Programma è inoltre devoluta proprio al progetto della Scuola Professionale che HUMANA gestisce per offrire una formazione specialistica in ambito turistico, agricolo ed edilizio. ”Grazie a questa Scuola, sostenuta anche dai vacanzieri, gli studenti acquisiscono le capacità tecniche necessarie per entrare nel mondo del lavoro e costruirsi così un futuro diverso, fatto di concretezza e sogni… che si realizzano!”, dice Daniele Germiniani, Corporate Partnership Manager di HUMANA in Italia.

Anche la proposta delle Vacanze Solidali s’inserisce in un percorso che HUMANA conduce sin dalle origini a favore della piena trasparenza del proprio lavoro, nel Sud del mondo e in Italia. I progetti di cooperazione realizzati sono infatti soprattutto frutto della Filiera di raccolta abiti dell’organizzazione, in collaborazione con partner locali e internazionali.

Per ricevere tutte le informazioni sul viaggio o partecipare a uno dei diversi incontri informativi previsti tra febbraio e maggio, è possibile contattare Sara Alemani: humana@humanaitalia.org oppure 02-93.96.40.09.