Poi arriverà la pioggia

Poi, arriverà la pioggia.

E ci ricorderemo dei borghi abbandonati.

Dei campi morti.

Del sottobosco.

E dei vecchi agricoltori.

Dei torrenti rinchiusi in gabbie di cemento.

Del consumo. Di suolo e di buon senso.

Dei soldi spesi ad inseguire consenso e affari.

Della manutenzione. Non fatta. O fatta male.

Della rabbia e dello sconforto.

Dell’Appennino tramortito dalle insegne del progresso.

Dello scendere a valle. Di fango e distruzione.

Della politica immatura che ci governa prepotente.

Delle grandi opere, delle idee minute.

Poi, arriverà la pioggia.

E ci sorprenderà dentro a una scuola, o a un ospedale, o chiusi in casa.