Un ribelle gentile

Il comune ribelle di questa settimana è un sindaco. Una persona che non c’è più, ma che per la nostra comunità resta un faro nel buio di questi tempi in cui la politica, in generale, è in debito d’ossigeno.

Dario Ciapetti faceva il sindaco a Berlingo, piccola comunità in provincia di Brescia. Se n’è andato tragicamente cinque anni fa, e alla sua memoria abbiamo attivato una borsa di studio per neo laureati, per scovare e valorizzare idee innovative da sperimentare nei comuni virtuosi. Proprio oggi si terrà la cerimonia di premiazione dell’edizione 2017, insieme a quella del Premio Comuni Virtuosi, nella splendida cornice della Biblioteca Mai a Bergamo Alta, dalle 14.30.

Dario era un ribelle gentile. Un rivoluzionario lento e paziente. Pacifico nei modi, era risoluto e visionario nell’azione. Si occupava dell’oggi ma aveva a cuore la cura del futuro. Berlingo è stato ed è tutt’ora un modello in campo ambientale e sociale. Era riuscito a trasformare un mezzo disastro ambientale (una cava esaurita divenuta nel tempo una discarica abusiva di rifiuti tossici nel centro esatto del paese) in un gioiello di comunità reso possibile dalla bonifica dell’area e dalla realizzazione dei principali edifici pubblici a servizio dei cittadini.

L’informatico Alan Kay scrive: “Il miglior modo per predire il futuro è inventarlo”. Dario, nel suo presente, progettava un mondo migliore. A noi il compito quotidiano di non deluderlo.